Qual’è la differenza tra solare termico e fotovoltaico?

Qual’è la differenza tra solare termico e fotovoltaico?

Una breve guida alla differenza tra Impianto Fotovoltaico e Solare Termico a cura di Valore Energia

Home » Qual’è la differenza tra solare termico e fotovoltaico?

 

Quando si parla di solare termico o di impianti fotovoltaici spesso è facile sbagliare. I due termini infatti possono sembrare sinonimi ma vi garantiamo che non è affatto cosi. La differenza tra solare termico e fotovoltaico nonostante, in fin dei conti, si parli sempre di pannelli solari, è enorme.

In questo approfondimento quindi cercheremo di ricapitolare a grandi linee cosa è un impianto fotovoltaico e cosa è un impianto solare termico. Cercheremo di elencare le loro caratteristiche specifiche in modo da comprenderne appieno le differenze qualora la tua fosse più di una semplice curiosità.

Sei quindi pronto a scoprire la differenza fra solare termico e fotovoltaico?

Continua la lettura per scoprirla.

Cos’è e come funziona un impianto fotovoltaico?

Un impianto fotovoltaico è un impianto che si basa su di un principio semplice quello dell’assemblaggio di più moduli fotovoltaici che si nutrono dell’energia solare per produrre energia elettrica.

Come sono fatti quindi i pannelli fotovoltaici?

I pannelli fotovoltaici sono formati da piccole celle realizzate in silicio. E’ proprio al’interno di queste celle che avviene la conversione dell’energia da solare ad elettrica. Inoltre queste piccole celle sono collegate tra di loro in tutta la superficie del pannello in modo da poter essere connesse in serie tramite dei contatti chimici.

Ogni pannello fotovoltaico è quindi composto da più moduli ma ciò non sarebbe sufficiente alla produzione di energia elettrica. E’ necessario anche un inverter, lo strumento in grado di convertire la corrente continua in alternata e che la rende quindi in grado di entrare in circolo nell’impianto elettrico dell’edificio in cui l’impianto fotovoltaico è installato.

I più moderni impianti fotovoltaici sono dotati anche di sistemi intelligenti per gestire l’energia: possono quindi essere integrati con sistemi di stoccaggio come le batterie di accumulo, in modo da conservare l’energia prodotta in eccesso per riutilizzarla in futuro.

Quali sono i vantaggi di un impianto fotovoltaico?

In quanto ad ecosostenibilità, non vi sono dubbi che le differenze tra fotovoltaico e solare termico siano tali da non minare questo principio. Entrambi i sistemi infatti basano il loro funzionamento sullo sfruttamento di energie rinnovabili: in questo caso il sole, un fonte di energia praticamente inesauribile.

Per farvi però capire bene le differenze fra questi due tipi di impianti cercheremo qui di seguito di indicare tutti gli altri vantaggi di un impianto fotovoltaico:

  • Un impianto fotovoltaico non produce sostanze di scarto;
  • Può produrre energia in quantità tale da poter rendere autonomo un edificio che sia quello domestico o quello aziendale;
  • Può permetterti di rivendere l’energia elettrica prodotta in eccesso al gestore elettrico;
  • La sua installazione può rientrare in particolari incentivi economici (come l’Ecobonus 110% fotovoltaico).
  • I pannelli fotovoltaici sono garantiti in genere per 25 anni;
  • Non richiede particolari costi di manutenzione;
  • A dispetto delle apparenze, i pannelli sono progettati e garantiti per resistere anche a situazioni estreme (per questo è importante acquistare solo prodotti certificati).

Come scegliere l’impianto fotovoltaico?

Per scegliere un impianto fotovoltaico che sia adatto alle tue esigenze dovrai basarti sui tuoi consumi annui e quindi dovrai dare un’occhiata alla tua bolletta elettrica. In base a questa, le fasce orarie in cui sfrutti l’energia prodotta dal tuo impianto ed al valore dell’irraggiamento solare che varia in base al luogo dove viene installato l’impianto, si ottiene il dimensionamento ottimale.

Ovviamente per questa operazione è sempre meglio richiedere assistenza a degli specialisti come noi!

Cosa è e come funziona un impianto solare termico?

Il solare termico è un impianto che permette di produrre acqua calda da una fonte di energia pulita e rinnovabile, come il sole.

Ma come funziona un impianto solare termico?

Il suo funzionamento è piuttosto semplice: i pannelli solari di cui è composto l’impianto catturano il calore irraggiato dal sole. Questo calore riscalderà il fluido termovettore (di solito composto da acqua e antigelo) che trasmetterà il calore accumulato, tramite una circolazione dello stesso che potrà essere naturale o forzata, nel serbatoio di accumulo attraverso la serpentina.

Le destinazioni d’uso di questo calore accumulato potranno essere due: è possibile utilizzarlo per riscaldare l’acqua  sanitaria domestica (risparmiando ben il 60-80% del costo annuo) oppure anche per affiancare il riscaldamento dell’abitazione attraverso un sistema combinato.

Quanti tipi di impianti solari termici esistono? Quali sono i loro vantaggi?

Gli impianti solari termici si possono suddividere in tre tipologie:

  1. Circolazione naturale;
  2. Circolazione forzata;
  3. Svuotamento.

Cerchiamo di analizzarne il funzionamento ed di vantaggi qui di seguito.

Circolazione naturale

Gli impianti a circolazione naturale hanno un bollitore posizionato sopra i pannelli. I collettori  di cui sono composti, ovvero i tubi che formano il pannello, si scaldano con i raggi. Questo calore fa in modo che il fluido termovettore diventi meno denso, pertanto sarà in gradodi spostarsi verso raggiungendo l’intercapedine del bollitore. Come avrai già capito il liquido termovettore non entrerà mai in contatto con l’acqua! Sarà qui che il fluido cederà il proprio calore all’acqua sanitaria che una volta scaldata sarà disponibile all’utenza.

I vantaggi di questa soluzione sono 3:

  1. non avrai bisogno di pompe di circolazione,
  2. occupa poco spazio,
  3. richiede un’installazione  ed una manutenzione semplice.

Circolazione forzata

La differenza fra gli impianti solari termici a circolazione forzata e quelli con circolazione naturale risiede nel sistema con cui viene azionata la circolazione del fluido termovettore. In questo caso avviene grazie ad una speciale centralina dotata di un sistema di regolazione elettronico che nel momento in cui la temperatura dei collettori supera quella del boiler, attiva la pompa di circolazione. Per il resto il funzionamento è praticamente identico al precedente.

Il principale vantaggio di questo impianto è il suo rendimento termico più alto. Tuttavia presenta anche diversi contro come ad esempio il fatto che avrai bisogno di più spazio visto che prevede più componenti ed inoltre ha un costo maggiore.

Svuotamento

Questi impianti si chiamano così perché quando l’impianto raggiunge la temperatura desiderata i collettori si svuotano smettendo così di immagazzinare calore. Il fluido termovettore quando i collettori si svuotano cade all’interno del serbatoio di svuotamento dal quale, grazie a delle pompe, viene di nuovo fatto fluire all’interno dell’impianto. In questo modo quando non stai consumando acqua il circuito rimarrà fermo all’interno del serbatoio ausiliare in modo da evitare tutti i problemi legati agli eventi climatici.

Quali sono le differenze tra e solare termico e fotovoltaico?

Ora che abbiamo spiegato cosa sono come e come funzionano questi due tipi di impianti, possiamo finalmente prendere in esame la differenza tra il fotovoltaico ed il solare termico. In realtà, più che di una differenza è giusto parlare di differenze visto che queste riguardano tra aspetti: utilizzo, materiale e installazione.

  1. Utilizzo: La differenza tra solare termico e fotovoltaico per quanto riguarda l’utlizzo che se ne fa è che il primo sfrutta il calore del sole per il riscaldamento o l’acqua sanitaria, il secondo invece la utilizza per la produzione di energia elettrica per alimentare gli elettrodomestici presenti nell’edificio.
  2. Materiale: i pannelli fotovoltaici sono formati da celle in silicio al cui interno avviene la conversione da radiazione solare a energia elettrica, i pannelli solari termici invece sfruttano un raccoglitore per scaldare l’acqua;
  3. Installazione: la grande differenza tra solare termico e fotovoltaico è che il primo è nettamente più facile da installare rispetto al secondo dal momento che spesso basta un solo pannello a soddisfare le esigenze.

Conclusione

Dopo aver analizzato le differenze tra solare termico e fotovoltaico adesso tocca a te!

Valuta l’utilizzo ed i vantaggi dei due tipi di impianti partendo dal presupposto che ognuno dei due è in grado di garantirti meno spese, un maggiore efficientamento energetico dell’edificio oltre a dare una grossa mano all’ambiente!

Non riesci a capire bene la differenza tra solare termico e fotovoltaico e quale dei due ti conviene?

Niente paura! Contattaci pure chiedendo tutte le informazioni di cui hai bisogno!

#gates-custom-62fb1c0bab7ad h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62fb1c0bab7ad h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62fb1c0bab7ad h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati!


Compila il form con i tuoi dati e scarica la nostra guida gratuita!

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla chat
Hai bisogno di aiuto?
Benvenuto in Valore Energia
Ciao,
Come possiamo aiutarti?