Incentivi conto termico 2023: la dotazione dopo il DL 13/2023

Incentivi conto termico 2023: la dotazione dopo il DL 13/2023

IL DL 13/2023 ha modificato la dotazione degli incentivi conto Termico 2023 per Privati e Pubbliche amministrazioni. Ecco come

Home » Incentivi conto termico 2023: la dotazione dopo il DL 13/2023

 

Il panorama energetico italiano è in rapida evoluzione. Con l’incessante aumento dei costi del gas, mai come ora i cittadini sentono l’urgenza di rivoluzionare i propri sistemi di riscaldamento. Per fortuna, il recente Incentivi conto termico 2023, emanato a seguito del DL 13/2023, si pone come un baluardo solido a sostegno di chi desidera investire in soluzioni di riscaldamento più sostenibili ed efficienti.

Se sei tra coloro che aspirano a liberarsi dalla dipendenza dalle fonti energetiche tradizionali, gli incentivi conto termico rappresentano un’opportunità imperdibile. Grazie a questi, potrai optare per soluzioni avanzate, quali sistemi a pompa di calore, ibridi a pompa di calore, termocamini, o magari decidere per la sostituzione con nuove stufe o camini a legna o pellet. Queste alternative non solo sono più rispettose dell’ambiente, ma consentono anche significative riduzioni in bolletta.

Una novità importante da sottolineare riguarda la redistribuzione delle risorse destinate agli Incentivi conto termico. Pur mantenendo la dotazione complessiva annua di 900 milioni di euro, il DL 13/2023 ha rivisto la divisione tra settore pubblico e privato. Nello specifico, è stato deciso che le risorse per la pubblica amministrazione aumenteranno da 200 a 400 milioni di euro, mentre quelle destinate al settore privato saranno ridimensionate da 700 a 500 milioni di euro.

Quindi, se stai considerando di modernizzare il tuo sistema di riscaldamento sfruttando il conto termico 2023, ora è il momento ideale. Gli incentivi fiscali offrono un sostegno concreto per un cambiamento verso soluzioni energetiche più verdi ed efficienti.

Il Conto termico in breve

Il rincaro del gas ha messo in evidenza l’urgenza di trovare soluzioni più sostenibili ed efficienti per riscaldare le nostre abitazioni. A venire in aiuto dei cittadini che aspirano a una transizione energetica c’è il Conto Termico 2023. Questo strumento, straordinariamente significativo, rappresenta una soluzione concreta per chi desidera sostituire vecchi impianti con nuovi più efficienti ed ecologici.

Il Conto Termico è un fondo istituito con lo scopo di incentivare la produzione di energia termica e di sostenere gli interventi mirati all’efficientamento energetico di edifici e abitazioni. La gestione del fondo è affidata al GSE (Gestore Servizi Energetici), l’ente che stabilisce criteri e modalità d’accesso agli incentivi conto termico, basandosi naturalmente sulle disposizioni legislative in vigore.

Uno degli aspetti salienti di questo programma di incentivi riguarda l’entità del supporto economico. Per chi decide di investire nel miglioramento energetico, è previsto un bonus che copre il 65% della spesa sostenuta, rendendo l’intervento decisamente più accessibile. Questo vale sia per le Pubbliche Amministrazioni che per i privati, compresi soggetti aziendali e residenziali.

Perché sono state apportate modifiche alla dotazione degli incentivi conto termico 2023?

In un contesto in cui i cittadini cercano soluzioni sempre più sostenibili ed efficienti per contrastare i rincari del gas, gli incentivi conto termico rappresentano una risorsa essenziale. Il Conto Termico, come previsto dal decreto interministeriale del 16 febbraio 2016, ha lo scopo di finanziare iniziative che mirano all’incremento dell’efficienza energetica e alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili, soprattutto per gli impianti di piccole dimensioni.

La dotazione totale per gli incentivi conto termico 2023 era stata fissata a 900 milioni di euro all’anno. Di questi, 200 milioni erano destinati alle Pubbliche Amministrazioni e 700 milioni ai privati, che possono accedere esclusivamente per gli interventi di produzione di energia termica.

Tuttavia, un attento monitoraggio dell’andamento del meccanismo, guidato dal Gestore dei servizi energetici (GSE), ha rivelato alcune tendenze cruciali. In primo luogo, c’è stata una crescente fiducia da parte delle Pubbliche Amministrazioni nel meccanismo. Questo si è tradotto in una maggiore richiesta di incentivi per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici, portando quasi al raggiungimento del limite fissato di 200 milioni di euro all’anno.

Parallelamente, si è notato che le risorse destinate ai privati erano in eccesso rispetto alle reali richieste di incentivi. Infatti, le domande dal settore privato si sono attestate solo intorno ai 200 milioni di euro. Questo squilibrio ha evidenziato la necessità di rivedere e ottimizzare la distribuzione delle risorse previste per gli incentivi conto termico 2023. L’obiettivo è quello di rispondere in modo più efficace alle esigenze effettive di pubbliche amministrazioni e privati cittadini.

La nuova dotazione

Dall’analisi delle tendenze recenti, è diventato evidente che gli incentivi erano stati distribuiti in modo non ottimale. Per tali ragioni, e al fine di evitare il blocco delle incentivazioni per nuovi interventi delle Pubbliche Amministrazioni, è intervenuto il Ministero dell’Ambiente. Nel mese di aprile, questo ente ha presentato una proposta emendativa per rivedere la distribuzione delle risorse come indicato nel decreto interministeriale del 16 febbraio 2016. Con l’intenzione di mantenere l’accento sull’efficientamento energetico degli edifici pubblici, è stato deciso di riallocare la dotazione complessiva annua di 900 milioni di euro. In particolare:

  • le risorse per la PA sono state aumentate da 200 a 400 milioni di euro,
  • quelle per il settore privato sono state ridotte da 700 a 500 milioni di euro.

Questo importante cambiamento è stato finalizzato durante l’approvazione del decreto-legge 24 febbraio 2023, n. 13, un provvedimento che mira all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e ad altre iniziative complementari, assicurando una strategia energetica nazionale coesa e sostenibile per tutti.

Il contatore del conto termico

In un’epoca caratterizzata da crescenti costi energetici e dalla necessità di adottare soluzioni più ecologiche, l’importanza degli incentivi conto termico non può essere sottovalutata. Essi rappresentano una vera e propria bussola per chi, desiderando difendersi dai rincari del gas, punta a sistemi di riscaldamento all’avanguardia ed efficienti.

Nel cuore di questo sistema di incentivazione si trova il contatore del Conto Termico, uno strumento fondamentale che monitora l’allocazione e l’utilizzo delle risorse destinate ad esso. Questo contatore, aggiornato al 1° luglio 2023, riflette le ultime modifiche legislative riguardanti la distribuzione degli incentivi conto termico 2023. In particolare, si evidenzia un impegno di spesa per l’anno in corso di 338 milioni di euro, divisi tra interventi privati e quelli delle PA.

Nonostante la recente riallocazione delle risorse, è cruciale comprendere che la disponibilità degli incentivi conto termico 2023 per i privati rimane notevole. L’investimento di 158 milioni di euro previsto per le iniziative dei cittadini privati offre ancora ampie opportunità. Se si considera l’obiettivo di molti di sostituire vecchie unità con nuovi sistemi, come pompe di calore, termocamini o stufe a legna, l’importanza di tali incentivi conto termico diventa ancora più chiara.

Inoltre a tali incentivi sono stati affiancati ulteriori fondi attraverso numerosi bandi regionali, come ad esempio quello della regione Umbria di cui parliamo qui. In genere tali incentivi possono far aumentare ancora di più la riduzione della spesa per la sostituzione del vecchio sistema di riscaldamento arrivando anche al 95%!

In conclusione, nonostante le recenti modifiche, il panorama per chi desidera effettuare un salto qualitativo in termini di efficienza energetica è ancora promettente. E con l’ausilio di bandi regionali in sintonia con il Conto Termico, ci aspettiamo un crescente ricorso a queste risorse da parte dei privati.

Se vuoi ricevere più informazioni su come accedere agli incentivi del Conto Termico 2023 e al bando della regione Umbria compila il modulo che trovi qui sotto con i tuoi dati!

#gates-custom-65e0bec7a782c h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-65e0bec7a782c h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-65e0bec7a782c h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati!


Compila il form con i tuoi dati e scarica la nostra guida gratuita!

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla chat
Hai bisogno di aiuto?
Benvenuto in Valore Energia
Ciao,
Come possiamo aiutarti?