Fotovoltaico su tetto: quanti GW è possibile installare in Italia?

Fotovoltaico su tetto: quanti GW è possibile installare in Italia?

ISPRA, affrontando il tema del consumo di suolo da parte degli impianti solari rivela anche quanto fotovoltaico su tetto sarebbe possibile installare in Italia

Home » Fotovoltaico su tetto: quanti GW è possibile installare in Italia?

 

Il fotovoltaico su tetto non è solo una risorsa per l’autoconsumo di energia. Se inquadrato in un contesto più ampio, soprattutto a livello politico, non possiamo non considerare gli accordi siglati dall’Italia sul tema rinnovabili a livello europeo. Tali accordi ci impongono infatti di virare verso una decisa transizione ecologica volta a ridurre in maniera notevole le emissioni di CO2 in atmosfera.

In questo senso il fotovoltaico su tetto può dare una mano incredibile per il raggiungimento di questi obiettivi. Il nuovo report ISPRA sul consumo di suolo indica in maniera precisa quanti GW sarebbe possibile ottenere se tutti gli edifici avessero un impianto fotovoltaico: ben 92!

Accanto ai 92 GW di elettricità che si potrebbe produrre con il fotovoltaico su tetto, il report fornisce anche un quadro aggiornato dei processi di trasformazione della copertura del suolo, valutando il degrado del territorio e l’impatto sul paesaggio e sui servizi ecosistemici.

Abbiamo deciso di approfondire questo report qui di seguito insieme ai nostri esperti.

Il report ISPRA

Il report ISPRA, come accennato poc’anzi, affronta temi che interessano non solo il fotovoltaico su tetto ma anche quello su terra. Temi che è necessario trattare in vista della futura crescita richiesta dalla decarbonizzazione.

Il report è stato redatto analizzando i dati del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA) a loro volta elaborato partire da immagini telerilevate delle installazioni solari a terra. Tali immagini rivelano che il solare a terra ricopre una superficie di 17.560 ettari per una potenza produttiva di 9 GW. Più di un terzo dell’energia prodotta dagli impianti fotovoltaici presenti in Italia quindi, è prodotta da quelli a terra considerando che il totale ammonta a 21 GW.

La Puglia è la prima regione in Italia per potenza fotovoltaica installata, rappresenta anche quella con la maggior superficie occupata, paria a 6.123 ettari. Segue l’Emilia Romagna con 1.872 ettari e il Lazio con i suoi 1.483 ettari coperti da pannelli solari. In fondo alla classifica appaiono invece il Trentino Alto Adige (13 ha), la Valle d’Aosta (1,2 ha) e la Liguria (0,2 ha).

Le potenzialità non sfruttate del fotovoltaico su tetto

Il dato sull’occupazione del suolo diventa interessante soprattutto se si guarda al futuro ed agli accordi che abbiamo sottoscritto in sedi internazionali.

Per raggiungere la neutralità climatica l’Italia dovrà portare la capacità fotovoltaica installata oltre i 52 GW entro il 2030. L’Italia dovrà quindi aggiungere circa 40 GW e coprire con il solare altri 50.000 ettari di superficie.

Ed è a questo punto che entra in gioco il fotovoltaico sul tetto. Per coprire questa superficie si possono infatti sfruttare i tetti degli edifici o dei fabbricati già esistenti riducendo al minimo lo sfruttamento del suolo.

Sul rapporto ISPRA infatti si fa riferimento ad una stima della superficie potenzialmente disponibile per l’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti compresa. Tale superficie ammonta ad una cifra compresa tra 75.000 e 99.000 ettari, sufficiente ad ospitare nuovi impianti fotovoltaici per una potenza complessiva compresa tra 70 e 92 GW.

Tale quantitativo è quindi più che sufficiente a coprire l’intero aumento di energia rinnovabile previsto dal Piano per la Transizione Ecologica al 2030.

Gli incentivi per il fotovoltaico su tetto per il 2023

Decidendo di puntare sul fotovoltaico su tetto però lo stato italiano deve tener conto della difficoltà di effettuare investimenti dei soggetti proprietari di questi tetti. Pertanto lo stato ha previsto degli incentivi per l’installazione degli impianti fotovoltaici che riassumiamo brevemente qui di seguito. Per approfondire l’argomento puoi cliccare qui.

Sono sostanzialmente tre i bonus fotovoltaico 2023:

Precisiamo subito che molti di essi saranno in vigore anche nel 2024 ma che potrebbero essere ulteriormente prorogati proprio in ottica del rispetto degli accordi cui facevamo riferimento poco fa.

A questi incentivi si aggiungono inoltre le recenti semplificazioni normative apportate dal Decreto Bollette o DL 17/2022. Tale decreto, convertito dalla legge 24/2022, ha stabilito che l’installazione di impianti solari, fotovoltaici e termici viene considerata manutenzione ordinaria.

L’installazione di questi sistemi pertanto non è subordinata all’acquisizione di permessi, autorizzazioni o atti amministrativi di assenso, ad eccezione degli immobili vincolati e di interesse pubblico.

Valore energia la scelta giusta quando si parla di fotovoltaico su tetto

Se vuoi usufruire dei bonus fotovoltaico su tetto il nostro consiglio è quello di affidarti a dei professionisti come noi per essere certo di ottenerlo. La nostra squadra di tecnici ed il nostro personale amministrativo, grazie all’esperienza ed al know-how accumulato in anni sul campo, sono diventati dei veri esperti in materia di detrazioni fiscali e credito d’imposta.

Compila il form con i tuoi dati per ricevere più informazioni!

#gates-custom-633c23df7d98b h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-633c23df7d98b h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-633c23df7d98b h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati!


Compila il form con i tuoi dati e scarica la nostra guida gratuita!

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla chat
Hai bisogno di aiuto?
Benvenuto in Valore Energia
Ciao,
Come possiamo aiutarti?