Come fare per dimensionare una pompa di calore?

Come fare per dimensionare una pompa di calore?

Come si fa a dimensionare una pompa di calore? Scopriamolo insieme agli esperti di Valore Energia

Home » Come fare per dimensionare una pompa di calore?

 

L’avvento delle pompe di calore sta facendo e ha fatto cambiare idea a molte persone sulla propria caldaia o termostufa. Molti infatti stanno cercando di cambiare il proprio sistema obsoleto per risparmiare sulle bollette passando alle pompe di calore.

Passare a questo sistema presenta infatti l’innegabile vantaggio di ridurre le spese dal momento che non usano un combustibile ma della semplice energia elettrica. Tuttavia la questione non è così semplice.

Ci sono infatti da considerare alcune criticità legate al rapporto costi benefici delle pompe di calore. Per questo motivo è necessario seguire una specifica procedura per dimensionare una pompa di calore correttamente quando se installa una. E’ particolarmente importante il corretto dimensionamento del generatore: l’errore più diffuso è quello di sovradimensionarlo eccessivamente. Questo spesso determina solo maggiori costi e minore efficienza.

Inoltre dimensionare una pompa di calore correttamente non è affatto semplice anche perché i fattori da considerare quando si compie questa operazione sono molteplici.

Quello che stiamo cercando di dirti è che solo un esperto saprà consigliarti adeguatamente. Per questo motivo ti consigliamo sempre di rivolgerti ad esperti del settore come noi di Valore Energia. Come? Semplicemente cliccando qui.

In ogni caso potresti essere curioso e magari potresti essere interessato a capire da solo, se non altro a grandi linee, come dimensionare una pompa di calore. Per questo motivo abbiamo raccolto alcuni semplici consigli qui di seguito.

Perché è necessario dimensionare un pompa di calore?

Come abbiamo già avuto modo di scrivere precedentemente, dimensionare una pompa di calore non è un’operazione semplice.

Per dimensionarla infatti bisogna considerare la potenza minima necessaria a mantenere calda una casa anche quando fuori è freddo. Per esempio, se fuori sono -5 gradi, dobbiamo calcolare quale sia la potenza necessaria a far sì che all’interno della casa ci sia un temperatura di 20 gradi.

Ovviamente in fase di progettazione non si faranno delle ipotesi a caso, ma verrà presa in considerazione quella che è definita come la temperatura minima di progetto. Si tratta quindi di una temperatura che dipende dalla zona climatica che rappresenta il valore minimo a cui statisticamente è soggetta la zona.

Se quindi la pompa di calore che verrà installata eroga la potenza necessaria a mantenere la casa calda alla temperatura minima di progetto, possiamo essere quasi sicuri di aver dimensionato correttamente la pompa di calore.

Tuttavia la realtà spesso non rispetta le statistiche e la temperatura può scendere al di sotto della temperatura minima di progetto. In questo caso il generatore della PDC potrebbe non essere in grado di mantenere la temperatura desiderata all’interno dell’abitazione.

Come dimensionare correttamente una pompa di calore?

Se consideriamo quanto scritto in precedenza possiamo dedurre che dimensionare una pompa di calore correttamente è teoricamente impossibile. E’ per questo che quando parliamo di dimensionare una pompa di calore ci si riferisce ad un’operazione che non può che fare riferimento a dei valori statisticamente accettabili.

Questo significa non prendere dei riferimenti di temperatura estremi ma nemmeno dei riferimenti appena sufficienti a soddisfare le esigenze dell’abitazione per cui dovremo dimensionare la pompa di calore.

Per questo motivo quando si compie questo tipo di operazione di solito si richiede la partecipazione del cliente in modo da renderlo partecipe alla scelta. In questo modo siamo sicuri di rispettare le sue aspettative ed allo stesso tempo dimensionare la pompa di calore in base alle sue esigenze evitando sprechi inutili sia in termini di costi che di efficienza dell’impianto.

La via ritenuta più statisticamente corretta è appunto quella che abbiamo illustrato poco fa. Ovvero dimensionare la PDC tenendo in considerazione il fabbisogno termico dell’edificio alla temperatura minimo di progetto prevedendo di mantenere acceso il riscaldamento almeno 16 ore al giorno.

Ovviamente poi vanno valutate le tempistiche entro cui si vuole far riscaldare l’edificio o l’abitazione. Se si vuole farlo in tempi brevi si dovrà necessariamente sovradimensionare la pompa di calore. Tuttavia questa non è mai una buona soluzione dal momento che non porta mai dei vantaggi energetici.

Il fabbisogno termico dell’edificio: possiamo fare affidamento sulla certificazione energetica dell’edificio?

Fino a questo punto abbiamo appurato che per dimensionare una pompa di calore è necessario conoscere il fabbisogno termico di un edificio alla temperatura minima di progetto.

Come calcolare e quindi conoscere questo valore?

Non preoccuparti, non è difficile. Se infatti l’edificio che si vuole dotare della pompa di calore ha già una certificazione energetica, allora si dovrebbe avere tutto l’occorrente a disposizione.

Certo una certificazione di questo tipo non è oro colato in quanto ad affidabilità. Per esperienza possiamo affermare che le abitazioni vecchie dispongono di una certificazione pessimista, mentre molte abitazioni nuove sono invece molto ottimistiche.

Gli unici edifici ad essere certificate correttamente, o quantomeno più correttamente rispetto agli altri, sono quelle recenti, ovvero quelli costruiti dopo il 2010.

Per conoscere il valore reale quindi, devi ricorrere a delle formule matematiche che prendano in esame la superficie riscaldata totale dell’edificio ed i tuoi consumi.

Si tratta di un procedimento abbastanza semplice da eseguire ma che tuttavia può confonderti. Per questo motivo è sempre meglio richiedere la consulenza di un esperto in questi casi. Pertanto non esitare a contattarci cliccando qui!

Dimensionamento di una pompa di calore dai consumi di gas abituali.

Per dimensionare correttamente una pompa di calore quindi è necessario conoscere il fabbisogno termico dell’abitazione alla temperatura minima di progetto.

Tuttavia potremo risolvere questo problema anche in un altra maniera. Come?

Analizzando in consumi di gas annuale dell’abitazione.

Basta analizzare i gradi giorno calcolati per il nostro comune. Questa misura è la somma delle differenze tra la temperatura interna (convenzionalmente 20 ºC) e la temperatura media esterna della singola giornata, di tutti i giorni della stagione di riscaldamento.

Risalire a questi dati è semplice: il sito dell’Enea mette a disposizione queste tabelle per ogni comune italiano per cui si tratta di dati facilmente reperibili.

Disponendo dei consumi di gas globali dovuti al riscaldamento, si può conoscere il fabbisogno termico della propria abitazione a qualsiasi valore di temperatura esterna utilizzando una semplice formula matematica.

Potenza termica nominale = Energia termica annuale * (20 ºC – T_Progetto) / Gradi_Giorno / ore funzionamento riscaldamento.

Si lo sappiamo, non sei un matematico o, meglio ancora, non hai una laurea in fisica. Spesso a voler fare da soli ci si confonde ancora di più!

Se vuoi quindi installare una pompa di calore della tua abitazione e vuoi dimensionarla correttamente in modo da soddisfare le tue esigenze c’è solo una soluzione. Quella di rivolgersi ad un esperto del settore come noi di Valore energia che sapremo consigliarti adeguatamente!

L’importanza degli apporti gratuiti

Con i suggerimenti che ti abbiamo dato fino a questo momento, gli esperti sono in grado di eseguire un calcolo piuttosto precisi in modo da dimensionare correttamente una pompa di calore. Ovviamente i nostri esperti non si limitano all’utilizzo delle formule che ti abbiamo spiegato prima ma conoscono anche le approssimazioni che si vanno ad indurre e come influiscono sul calcolo finale.

Inoltre la matematica non basta. Nel dimensionare una pompa di calore va tenuto conto anche di quelli che sono gli apporti gratuiti.

Ma… cosa sono gli apporti gratuiti?

Questi non sono altro che quelle fonti di calore che scaldano la casa al di fuori del generatore. Ad esempio un’ampia vetrata esposta a SUD è sicuramente un ottimo apporto gratuito al riscaldamento dell’edificio.

Questi apporti guardando i consumi annuali vengono contati globalmente ma possono influire diversamente nei vari giorni dell’anno. Di conseguenza calcolare la potenza termica ad una data temperatura può essere un esercizio un pochino impreciso se si considerano solo i consumi annuali.

Per questo motivo quando si calcola il fabbisogno energetico di un edificio si possono commettere degli errori che possono andare dal 10 al 15% dell’effettiva necessità di potenza di una pompa di calore!

Rivolgersi ad un esperto per dimensionare la pompa di calore è l’unica soluzione

Come avrai capito se sei arrivato a questo punto della lettura dimensionare correttamente una pompa di calore non è affatto semplice.

Si tratta di un’operazione che solo gli esperti del settore riescono a compiere con precisione e che qualora fosse fatta da inesperti potrebbe portare a dei risultati molto distanti dalla realtà. Questo perché le operazioni matematiche da effettuare non sono semplicissime e, specie per chi non è portato per la matematica, è facile cadere in errore.

Pertanto se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle pompe di calore ti consigliamo di iscriverti alla nostra newsletter cliccando qui.

In alternativa, per ulteriori chiarimenti o dubbi puoi contattarci direttamente cliccando qui!

#gates-custom-62c3a558334b6 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c3a558334b6 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c3a558334b6 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati!


Compila il form con i tuoi dati e scarica la nostra guida gratuita!

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla chat
Hai bisogno di aiuto?
Benvenuto in Valore Energia
Ciao,
Come possiamo aiutarti?