Riscaldamento a pavimento con pompa di calore

Riscaldamento a pavimento con pompa di calore

Il riscaldamento a pavimento con pompa di calore: tutto quello che devi sapere

Home » Riscaldamento a pavimento con pompa di calore

 

La pompa di calore è diventata sempre di più la principale alternativa ai classici sistemi di riscaldamento e raffrescamento. La pompa di calore è in effetti un impianto ecologico dal momento che il suo funzionamento implica lo sfruttamento di fonti energetiche rinnovabili e gratuite. Grazie alle pompe di calore infatti è possibile trasferire il calore presente normalmente nell’aria o nel terreno direttamente all’interno dell’ambiente che si vuole riscaldare. 

La fonte rinnovabile più utilizzato è probabilmente quella dell’aria, dal momento che una pompa di calore di questo tipo ha un costo di installazione decisamente inferiore. Un costo di installazione inferiore a fronte, tuttavia, di un rendimento minore rispetto alle altri sorgenti.

Quello del rendimento è un tema molto sentito da chi si trova di fronte all’installazione di uno strumento di questo tipo, soprattutto se deve riuscire a riscaldare o raffreddare gli ambienti di un edificio. Uno scarso rendimento è infatti sinonimo di bollette più alte. Ecco quindi che potrebbe essere opportuno, soprattutto in termini di riscaldamento, installare direttamente un impianto di riscaldamento a pavimento con pompa di calore. In questo modo, secondo molti esperti e non solo i nostri, è possibile risparmiare notevolmente in bolletta.

Ma perché un impianto di riscaldamento a pavimento con pompa di calore è conveniente anche da un punto di vista economico?

Lo abbiamo chiesto ai nostri esperti che provano a risponderci in maniera sintetica in questo approfondimento.

Il Coefficiente di prestazione di una pompa di calore

Il riscaldamento a pavimento con pompa di calore presuppone l’installazione di una PDC aria-acqua. D’altronde il riscaldamento a pavimento prevede una serie di tubi contenenti acqua posizionati proprio al di sotto del pavimento. Sarà l’acqua che scorre in questi tubi che, riscaldandosi tramite la pompa di calore, a riscaldare l’ambiente. Il sistema infatti è in grado di trasferire il calore dell’aria esterna all’acqua che circola nell’impianto. E’ quindi evidente che l’efficienza di una pompa di calore cambia anche in base alle condizioni climatiche dell’ambiente circostante.

A questo punto è evidente come scegliere una pompa di calore efficiente sia fondamentale per non andare incontro a spese eccessive nelle bollette. Ma come si fa a sceglierla in maniera efficiente?

Quando si deve scegliere una pompa di calore per un impianto di riscaldamento a pavimento è necessario prestare attenzione al Cop (Coefficient of performance). In genere il Cop fa riferimento ad una temperatura esterna superiore ai 7°C e, sempre in base ad esso è possibile ricavare un dato fondamentale come quello del rapporto tra la potenza termica prodotta (kW) e la potenza elettrica consumata (kW).

Come funziona una pompa di calore?

Le pompe di calore possono essere utilizzati per tre scopi:

  • riscaldare un ambiente;
  • raffrescare un ambiente ( a questo proposito puoi leggere questo approfondimento);
  • produrre acqua calda.

Durante il suo funzionamento, solitamente una pompa di calore riesce a sfruttare il 75% di energia dall’ambiente esterno, mentre il restante 25% è l’effettivo apporto di energia elettrica necessario al suo funzionamento. Un apporto che può essere quasi totalmente ridotto qualora la PDC venga alimentata da un impianto fotovoltaico.

All’interno delle pdc infatti è presente un circuito che contiene un fluido refrigerante. Questa sostanza, circolando all’interno del circuito, attraversa anche degli scambiatori di calore. Questi, riscaldandosi o raffreddandosi in base alle temperature esterne, faranno in modo di aumentare o diminuire la temperatura del liquido refrigerante. Questo liquido, passerà in seguito attraverso un compressore che farà in modo di far circolare il liquido attraverso l’impianto di distribuzione, influenzando quindi la temperatura dell’ambiente.

Il ciclo delle 4 fasi della p.d.c.

La tecnologia alla base di una pompa di calore è quindi contraria rispetto a quella utilizzata per la refrigerazione. Se il refrigerante trasporta energia dall’interno all’esterno, la p.d.c cattura il calore all’esterno per poi passarlo all’interno, proprio come abbiamo visto poc’anzi.

La pompa di calore pertanto presenta un funzionamento caratterizzato da quattro fasi:

  • Evaporazione:  assorbendo l’energia dall’ambiente che lo circonda, il fluido refrigerante passa allo stato gassoso.
  • Compressione: Il gas formatosi precedentemente viene quindi compresso in uno spazio limitato in modo che aumenti la pressione
  • Liquefazione: Come conseguenza del passaggio precedente il fluido refrigerante passa di nuovo allo stato liquido. La pressione infatti fa sì che il gas più caldo salga verso l’alto liberando la sua energia e trasmettendola all’impianto di riscaldamento a pavimento con pompa di calore.
  • Rilascio: La pressione del gas viene ridotta tramite una valvola di espansione. L’elemento refrigerante assorbe nuovamente il calore dall’ambiente circostante e riparte il processo.

riscaldamento a pavimento con pompe di calore

Il riscaldamento a pavimento con pompe di calore è particolarmente efficiente dal momento che prevede un funzionamento con acqua la cui temperatura è compresa tra i 25 ed i 40 gradi. Sono in molti ad essere concordi che un sistema di riscaldamento con pompe di calore ha un efficienza maggiore, di almeno il 25%, per quanto riguarda il riscaldamento ed il raffrescamento degli ambienti. Avere un pavimento riscaldato del resto, è davvero una comodità in inverno se anche tu ami camminare scalzo all’interno di casa tua.

Inoltre, le pompe di calore, specie se paragonate alle caldaie tradizionali, sono indubbiamente più sicure. Continuando il paragone, le pdc non devono essere nemmeno sottoposte alle analisi di combustione. Non ci sono nemmeno allacci di gas e tantomeno serbatoi contenenti sostanze potenzialmente nocive o pericolose.

Proprio per questi motivi sono in molti ad aver effettuato la sostituzione della propria caldaia con una pompa di calore. In questo modo, oltre ad essere più sicuri, è possibile risparmiare sui costi e, al tempo stesso, ottenere maggiori comodità in casa. I vantaggi variano a seconda del tipo di appartamento e di impianto installato ovviamente, ma le comodità sono garantite per tutti!

I vantaggi del riscaldamento a pavimento con le pompe di calore

Solitamente, il motivo per cui si sceglie di installare il riscaldamento a pavimento con le pompe di calore è il notevole risparmio in bolletta che si può ottenere. Tuttavia le pompe di calore sono anche in grado funzionare senza avere un grosso impatto ambientale contribuendo a ridurre le emissioni di CO2 nell’atmosfera.

Ma a quanto ammonta il risparmio che si può ottenere grazie alle pompe di calore?

Per quanto riguarda la produzione di acqua calda sanitaria, rispetto ai classici scaldabagni elettrici, grazie alle pompe di calore si può risparmiare fino al 70%!

Il raffrescamento ed il riscaldamento a pavimento con pompa di calore, invece riesce a ridurre la bolletta elettrica di almeno il 40-70% rispetto ai sistemi tradizionali.

#gates-custom-60fb9a2e8bf70 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-60fb9a2e8bf70 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-60fb9a2e8bf70 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Scarica la nostra guida gratuita sul Superbonus 110%!


Compila il form con i tuoi dati e scarica la nostra guida gratuita!

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vai alla chat
Hai bisogno di aiuto?
Benvenuto in Valore Energia
Ciao,
Come possiamo aiutarti?